CONSERVAZIONE
INTONACI DI TRADIZIONE
APPARATI DECORATIVI IN STUCCO
DECORAZIONE DI INTERNI
CONSULENZA TECNICA
INTERVENTI REALIZZATI
CONSERVAZIONE E RESTAURO
MARMORINI NATURALI TRADIZIONALI
STUCCHI E ORNATI
DECORAZIONI DI INTERNI
CHI SIAMO
CONTATTI
ATTIVITA’ FORMATIVE
OPPORTUNITA’ LAVORATIVE
CREDITS
Uni.S.Ve.
Unione Stuccatori Veneziani

Nella tradizione veneziana lo stuccatore era l'artigiano che, lavorando a fianco dell'architetto, degli scal- pellini, pittori, falegnami, terrazzieri e tappezzieri, realizzava le decorazioni e le finiture di ogni edificio. Unione Stuccatori Veneziani nasce nel 2001 come l'unione di un gruppo di artigiani - stuccatori, discepoli del maestro veneziano Mario Fogliata, con l'intento di sostenere e mantenere viva questa professione quasi dimenticata. Da qui la scelta netta di utilizzare solo i materiali e le tecniche della tradizione, scartando qualsiasi prodotto di derivazione industriale e premiscelato, ma non rinunciando alla ricerca e sperimentazione su materiali e tecniche tradizionali.
Oggi Uni.S.Ve. Srl è organizzata in tre sezioni, con specializzazioni e operatori specifici: la sezione stucchi e intonaci di tradizione, la sezione conservazione e restauro, la sezione decorazione d'interni.

Lo Stucco
Intonaco di tradizione

Il marmorino ha origini antichissime, già conosciuto dai greci, è molto diffuso nell’antica Roma: ad esso si riferiscono Vitruvio e Plinio, quando parlano di “albarium opus”, cioè stucco, intonaco bianco.
Lo stucco forte o marmorino sono composti da una miscela variabile di calce aerea stagionata e polveri di marmo che nelle mani dello stuccatore prende forma per diventare una superficie levigata simile al marmo, dipinta ad affresco, con decorazioni, fregi e fasce a rilievo, con stucchi, cornici, lesene ed elementi architettonici o figurativi.
La conoscenza dell’arte dello stucco e delle tecniche tradizionali di esecuzione di intonaci di calce, di affreschi, di marmorini e di decorazioni e fregi a rilevo è necessaria per affrontare correttamente la manutenzione, il restauro e la conservazione del patrimonio storico artistico.

Conservazione
Principio minimo intervento

La strategia progettuale di un intervento di restauro basato sul criterio del “minimo intervento”, su un oggetto o un edificio, mira alla conservazione e al massimo mantenimento della struttura e dei materiali originali che lo definiscono: tale principio vuole “facilitare la lettura” del manufatto oggetto di intervento. La Carta del Restauro del 1972 all’art. 4 recita, “s’intende per restauro qualsiasi intervento volto a mantenere in efficienza, a facilitare la lettura e a trasmettere integralmente al futuro le opere”.
Quindi uno degli obiettivi del restauro conservativo è quello di far leggere, se possibile, l’opera nelle sue diverse forme e in tutta la sua complessità, per comprendere la storia e il valore di cui è portatrice. Oltre alla conservazione, l’obiettivo diventa quello di svelare la natura dell’oggetto nelle sue fasi storiche, mostrandone le stratificazioni e le trasformazioni.


Collaborazioni
Artigiani a venezia

Abbiamo trasformato la nostra precedente homepage, in uno spazio dinamico che giorno dopo giorno cambia, si aggiorna e si arricchisce di nuovi contributi, esperienze, informazioni o proposte. Non è più una pagina solo nostra, ma anche di molti altri artigiani, restauratori, architetti e professionisti indipendenti, che condividono il nostro modo di pensare e operare e che lavorano nel territorio veneziano, a volte insieme a noi, in campi paralleli o simili al nostro. Queste pagine sono a disposizione per pubblicare altre esperienze, proposte o informazioni di artigiani e professionisti che anche se non conosciamo, affrontano temi o raccontano esperienze interessanti e vicine agli argomenti trattati in queste pagine.
Corsi intensivi di arti e mestieri - AGGIORNATO
Corsi previsti da Novembre a Dicembre 2010 nel CENTRO EUROPEO PER I MESTIERI DEL PATRIMONIO
Corsi intensivi di arti e mestieri - AGGIORNATO

AGGIORNATO AL 22.11.2010

Presso il Centro Europeo per i Mestieri del Patrimonio Villa Fabris di Thiene ricominciano, dopo la pausa estiva, i corsi intensivi di una o due settimane per conoscere e approfondire le arti e i mestieri della tradizione. I corsi previsti vanno dal marmorino e lo stucco con i maestri veneziani Mario e Franco Fogiata alla pittura d'ornamento con il decoratore Pietro Comin, dalla tecnica dello sbalzo e della forgiatura di attrezzi con il fabbro d’arte da Parigi, Michel Courtemanche, alla tecnica della Doratura, della pittura ad affresco, dell'intaglio, [...]Continua a leggere

Villa Furstenberg
Restauro del portale in stucco della Villa
Villa Furstenberg

Il portale di ingresso di Villa Furstenberg, a Marocco in Provincia di Venezia, presenta intorno agli stipiti in marmo, una cornice a rilievo in stucco con una decorazione geometrica a onde e alla sommità del portale, sotto al balconcino del piano superiore, un cartiglio in stuccoforte.

La superficie del portale era alterata nel colore e nella materica per la presenza di ife vegetali, muschi e licheni e di depositi superficiali coerenti (una dipintura di un precedente intervento di manutenzione, parzialm[...]Continua a leggere

Giorgione a Palazzo Grimani
Esposizione dal 29 agosto al 1 novembre 2010 - AGGIORNATO
Giorgione a Palazzo Grimani

AGGIORNAMENTO La mostra è stata prorogata fino al 1 novembre 2010 vista la grande affluenza di pubblico. Il celebre dipinto "La Tempesta", dal 16 ottobre non sarà più presente perchè in mostra ai Musei Civici degli Eremitani a Padova, nella mostra Giorgione a Padova l'enigma del carro, e lascerà il posto ad uno complesso di allegorie di Giovanni Bellini sulla stessa tematica dell'allegoria della Vecchia rappresentata da Giogione ancora esposta insieme alla Nuda all'interno di Pa[...]Continua a leggere

Stemma in legno policromo e dorato
Restauro conservativo di stemma della famiglia Clary
Stemma in legno policromo e dorato

Lo stemma nobiliare, della famiglia Clary e Filquemont, realizzato nella seconda metà del XIX secolo, è custodito nell'ingresso di Palazzo Clary a Venezia. Lo stemma in legno policromo modanato e scolpito in altorilievo, con la superficie dipinta e dorata, era coperto da una ridipintura oleosa alterata di colore marrone scuro coerente ed aderente alla superficie.

L’intervento di restauro ha rimosso questo strato, per il ripristino della policromia originale, con un paziente ed accurato lavoro di descialbo meccanico, sia sulle parti dipinte che quelle dorate, eseg[...]Continua a leggere

Giacomo Favretto. Venezia fascino e seduzione
Esposizione al Museo Correr
Giacomo Favretto. Venezia fascino e seduzione

Dal 30 luglio al 21 novembre 2010, presso il Museo Correr a Venezia, si svolgerà una mostra sul pittore veneziano Giacomo Favretto (1849-1887). L'esposizione ripercorre ogni tappa del percorso artistico del pittore, fin dagli esordi all’Accademia di Belle Arti di Venezia, con una selezione di circa 80 dipinti provenienti da grandi musei italiani e stranieri, tra cui opere per la prima volta arrivate in Italia o mai esposte prima.

Il pittore venezian[...]Continua a leggere

Le resine sintetiche usate nel trattamento di opere policrome
Breve recensione del libro
Le resine sintetiche usate nel trattamento di opere policrome

Il libro Le resine sintetiche usate nel trattamento di opere policrome, edito dalla casa editrice Il Prato è scritto da Leonardo Borgioli, chimico, responsabile dell’ufficio tecnico-scientifico di C.T.S. Srl, e da Paolo Cremonesi, anch’egli chimico, coordinatore scientifico del CESMAR7. Con questo testo, indirizzato a restauratori e a quanti operano nel settore conservazione di opere d’arte, colmano una lacuna nella bibliografia italiana analizzando i polimeri di sintesi, se[...]Continua a leggere

Pirro Ligorio, dal manoscritto i libri dell'antichità
Gli intonaci antichi raccontati nei trattati di architettura. X parte
Pirro Ligorio, dal manoscritto i libri dell'antichità

Questo breve estratto, ricavato dai manoscritti di Pirro Ligorio, architetto, pittore e decoratore vissuto nel XVI secolo, ci da indicazioni molto chiare sulla preparazione ed esecuzione di un intonaco di calce e polvere di marmo, per la realizzazione di un marmorino o di uno stucco bianco. Questa citazione, in apparenza semplice e simile a precedenti estratti di altri trattatisti, in realtà dà una serie di indicazioni fondamentali per evitare errori che pregiudicherebbero la qualità e la durata del marmorino che potrebbe creparsi e fare "mille aperture e macchie disone[...]Continua a leggere

Il mantegna liberato
Vittorio Sgarbi ha diretto l'intervento alla Galleria Franchetti a Cà D'Oro
Il mantegna liberato

Il nuovo Soprintendente del Polo Museale Veneziano, Vittorio Sgarbi, ha fatto rimuovere parte dell'allestimento museale presente alla Cà D'Oro, davanti alla cappella del San Sebastiano di Andrea Mantegna, un grigliato in legno e metallo inserito negli anni settanta per creare una separazione tra lo spazio del museo e la cappella, "una graticola che teneva in prigione Mantegna". Il soprintendente lo ha subito giudicato brutto e ne ha deciso la rimozione per "liberare" il Mantegna e permette[...]Continua a leggere

Pagina 7 di 18 < [ 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 ] > >>
  UNI.S.VE. S.r.l. - Unione Stuccatori Veneziani - PI 03802540272 - Dorsoduro 1149/A Venezia